Warm Bodies Streaming : Il Regista, Jonathan Levine

Jonathan Levine nasce il 18 giugno 1976 a New York, città dove vive con la sua famiglia.
Fin da giovanissimo sogna di fare il regista, e dopo la laurea alla Brown University in semiotica dell’arte, lavora a New York come assistente personale dello scrittore/regista Paul Schrader, noto per aver scritto memorabili sceneggiature, tra le quali ricordiamo quelle di “Taxi Driver”, “Toro scatenato” e “American Gigolò”, quest’ultimo anche diretto.
Nel 2002 si trasferisce a Los Angeles per frequentare l’American Film Institute Conservatory come regista. Qui Levine incontra lo scrittore e i produttori di “All the Boys Love Mandy Lane”, che lo ingaggiano per dirigere il film, che presenta in anteprima al Toronto International Film Festival nel 2006.
Nel 2008 la sua seconda regia, nonché suo primo film come sceneggiatore, “Fa la cosa sbagliata”, con Ben Kingsley e Josh Peck, ottiene il Premio del Pubblico al Sundance Film Festival e al Los Angeles Film Festival, e una candidatura agli Independent Spirit Award per la Migliore Sceneggiatura d’esordio: è la storia di due anime perdute, il cui incontro permette loro la risalita dagli inferi.
Nel 2011 arriva il successo di “50 e 50”, dove al venticinquenne Adam viene diagnosticata una rara forma di cancro. Nel cast Joseph Gordon Levitt, Bryce Dallas Howard e Seth Rogen.
Nel 2012 scrive e dirige “Warm Bodies”, tratto dall’omonimo romanzo di Isaac Marion, portando sullo schermo lo zombie R, interpretato dal bravo Nicholas Hoult, il piccolo Marcus di “About a Boy”. Al centro della vicenda l’amore quasi impossibile tra R ed una sua probabile vittima, la bella Julie, il tutto in un mondo devastato da una recente Apocalisse.
I suoi prossimi lavori saranno: il poliziesco “Little Girl Lost”; “Jamaica”, storia semi-autobiografica scritta da Will Reiser (che ha già collaborato con Levine per “50 e 50”, l’esperienza del protagonista è infatti basata su una sua esperienza di malattia), incentrata su una vacanza in Giamaica di un giovane e sua nonna; e l’action “Legend”.

0 commenti:

Posta un commento